Rotta su Mostar

di Nicolò de Fanti

5,99

Tramite un percorso che ci accompagna dalle radici della questione attraveso la fitta rete di relazioni che unisce AFRICA ed EUROPA, l’autore ci propone un’analisi che, assorbiti i più classici strumenti di lettura economico-politici, prova ad indagare questo legame attraverso un approccio socio culturale e di costume.

Categoria:
Share

Descrizione

Ripercorrendo gli anni da fine Ottocento fino alla metà degli anni Novanta, si analizza il ruolo ricoperto da tre componenti chiave: l’Emigrazione, l’Erzegovina ed i Francescani.
Nei momenti cruciali della Nazione, queste comunità si sono sempre avvicinate e influenzate a vicenda, amalgamate e plasmate dalla fede cattolica e dall’incessante operato dei frati Francescani. Oltre a ciò, acquisirà sempre più importanza l’Erzegovina Bosniaca, e daranno vita all’auto proclamata Repubblica Croata di Herceg-Bosna.
La Croazia Contemporanea, generata da forze separatiste sostenute dall’esterno, verrà alla luce sotto gli auspici del rinnovato asse erzegovese – francescano che, in Franjo Tudjman, scorgerà il politico ideale. Per tutta la durata della guerra (e in seguito) vera capitale croata sarà quella Mostar, che assieme alla “Mafia Erzegovese” sdoganata da Tudjman e Gojko Susak ad inizio anni Novanta, indirizzerà a proprio piacimento la storica transizione democratica seguita al crollo della Jugoslavia Socialista.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rotta su Mostar”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *